Provincia

Terzo ponte, ricorso respinto. Il comitato non si perde d’animo

5 settembre 2014

20140905-210406.jpg

È una doccia fredda, per il comitato Salviamo Nonna Quercia, la decisione del Consiglio di Stato che giovedì ha respinto il ricorso dei sei cittadini di Castelvetro – Simone Mazzata, Carlo Baroncelli, Luisa Soavi, Rita Morini, Chiara Delogu, Daniela Manfredini – contro la costruzione del terzo ponte sul Po. Il giorno dopo la notizia, gli animi del comitato sono ancora scossi e pronti ad approfondire la questione. Questa sera, con un lungo comunicato stampa, il comitato Salviamo Nonna Quercia ha chiarito la sua posizione. “La nostra azione legale ci è costata in tutto 50mila euro, il 40% del nostro portafogli – scrivono – In gioco non c’è un “semplice” albero, non i “soliti” no alle infrastrutture che servono, quanto la preoccupazione di costruire cose devastanti e non sostenibili sul piano economico, come è il Terzo ponte. E aggiungono: “È stato un duro colpo, è vero. Ma rifaremmo tutto dall’inizio alla fine, da quando quel giorno la Grande Nonna Quercia ci ha sussurrato il suo appello”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia Val D'Arda

NOTIZIE CORRELATE