Tangenziale di Crocetta: Satap o il consorzio Sis per il completamento

11 Febbraio 2015

20150211-202825.jpg

Sono una le offerte presentate al Ministero delle Infrastrutture per ottenere l’affidamento della concessione dell’autostrada A21 Piacenza-Cremona-Brescia, attualmente in mano a Centropadane. Una è quella della Satap (gruppo Gavio, che ha un fatturato consolidato da 990 milioni nel settore autostrade-costruzioni secondo il dato del 2013), la quale già gestisce la A21 Torino-Piacenza; la seconda, invece, è quella del Consorzio stabile Sis, l’italo-spagnolo nato su impulso del ‘big’ iberico del settore Sacyr y Vallermoso (è controllata al 51 per cento dal gruppo Fininc di Torino e per il 49 per cento da Sacyr.

Una concessione che interessa da vicino anche il nostro territorio visto che i 683 milioni di euro degli investimenti previsti nei 30 anni di durata, comprendono anche quelli per il completamento della tangenziale Crocetta-San Polo, ferma da tre anni al 33 per cento del cantiere.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà