Ipotesi aumento Irpef. I sindacati: “Penalizza i redditi medio-bassi”

30 Aprile 2015

comune

L’ipotesi dell’aumento dell’addizionale Irpef a Piacenza ha suscitato un’immediata reazione da parte dei sindacati. In una nota i segretari confederali Gianluca Zilocchi (Cgil), Marina Molinari (Cisl) e Gianmaria Pighi (Uil) hanno messo in chiaro la linea comune nei confronti di un aumento della tassazione paventato dal sindaco Paolo Dosi.
“Nel caso dell’Irpef – motivano i confederali – l’aumento non potrà che andare a penalizzare i redditi medio-bassi. Le famiglie sono già falcidiate da condizioni economiche lontane dai livelli pre-crisi e stanno affrontando emergenze importanti, quindi – scrivono i sindacati – rinnoviamo l’invito al sindaco Paolo Dosi, all’assessore al bilancio Luigi Gazzola e a tutta la Giunta comunale di dare seguito alla richiesta di incontro sul bilancio inviata settimane fa dalle parti sociali”.
Era già in rampa di partenza, infatti, una lettera formale in cui Cgil, Cisl e Uil rinnovavano la richiesta d’incontro avanzata un mese fa.
“Sollecitiamo l’amministrazione a confrontarsi per trovare soluzioni eque e condivise, al più presto” conclude la nota firmata da Zilocchi, Molinari e Pighi.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà