Val Tidone

Residenti di Pianello contro il rally ma la Prefettura lo autorizza

5 maggio 2015

Rally Valtidone (1)

Secondo la Prefettura, allo stato attuale, non ci sono i presupposti per non autorizzare il rally dell’Alta Valtidone. Lo annuncia il vice Prefetto Elio Faillaci che si sta occupando della questione apertasi dopo che un gruppo di residenti di alcune frazioni di Pianello ha chiesto al prefetto di non autorizzare la gara che li costringerebbe a restare chiusi in casa per due giorni. La prefettura, dopo aver chiesto chiarimenti ai comuni interessati dallo svolgimento del rally, non ha ravvisato i presupposti per sospendere la gara in programma il 16 e 17 maggio.

 

Notizia delle 7 – Gli abitanti delle frazioni di Casa Vaie, Case Gramonti, La Valle e Fravica di Pianello hanno scritto al prefetto Anna Palombi per chiedere di annullare il Rally dell’Alta Valtidone (che interessa i comuni di Nibbiano Pecorara e Pianello) in programma il 16 e 17 maggio. I residenti lamentano la pericolosità della corsa che a loro dire li costringerebbe a stare chiusi in casa per due giorni senza possibilità, salvo pochi momenti, di potersi muovere.
A detta dei residenti, inoltre, i partecipanti alla gara avrebbero provocato negli anni passati danni alla strada e rischiato incidenti con gli abitanti del posto.
Gli organizzatori di Rally & Promotion, e anche il sindaco di Pianello Gianpaolo Fornasari, dal canto loro, parlano di una gara organizzata a regola d’arte con standard di sicurezza pienamente garantiti, mezzi di soccorso sempre pronti ad intervenire e fasce orarie durante la quale ai residenti è lasciato libero il passaggio per i loro spostamenti.

Comunicato stampa

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Sport Val Tidone

NOTIZIE CORRELATE