Telefono rosa, due nuove sedi. Via Pozzo, a breve l’ambulatorio

23 Luglio 2015

violenza alle donne (1)

Un nuovo ambulatorio di prossimità in via Pozzo per cure mediche di base e prelievi da una parte. Dall’altra due nuove sedi di Telefono Rosa a Castelsangiovanni e a Fiorenzuola, 38 ore settimanali di assistenza garantita da due operatrici assunte formate ad hoc e un servizio di reperibilità con forze dell’ordine e pronto soccorso. E ancora una convenzione con l’Asp Città di Piacenza che garantirà 17 ospitalità di accoglienza rispetto alle 5 attuali. Sono queste le novità annunciate dall’assessore Stefano Cugini in un post su Facebook e nel corso della commissione delle elette in municipio: per quanto riguarda via Pozzo, Cugini ha annunciato la definizione dei dettagli del protocollo di intesa fra i soggetti coinvolti che in pratica “garantirà un presidio di qualità nella zona di via Pozzo”. Per Telefono Rosa, la legge regionale prevede lo stanziamento di 97 mila euro per il territorio piacentino, 35 mila dei quali saranno destinati al Telefono Rosa e i restanti alla casa rifugio gestita dall’Asp Città di Piacenza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà