Val Trebbia

A Venezia applausi per Bellocchio: “Racconto Bobbio che è un mondo”

8 settembre 2015

Bellocchio al Lido di Venezia

La prima proiezione di “Sangue del mio sangue”, il film di Marco Bellocchio in gara per l’Italia alla 72esima Mostra internazionale del cinema di Venezia nella sala Darsena è stata accolta con applausi, seppur non particolarmente calorosi. Alla proiezione era presente una delegazione di piacentini, guidata dal sindaco di Bobbio Roberto Pasquali.

“È un film libero, in cui racconto Bobbio che è un mondo, è una storia in cui si alternano passato e presente senza badare troppo a dare risposte a tutto”. Così il regista piacentino parla del suo film, nel quale la religione torna ad essere il tema centrale. Tutta una prima parte del film è incentrata su una suora di clausura che viene murata viva nella Bobbio medievale. “Non mi sono convertito – afferma Bellocchio -, sono un anarchico sempre più moderato. Il potere però continua a darmi fastidio, come quello della Chiesa in quell’epoca”. “Io penso che la forza, la vitalità e il carattere, siano donna – conclude -, per lo meno per la mia esperienza. In confronto alle donne noi uomini siamo dei poveracci”.

Il film uscirà domani nelle sale italiane.

Notizia delle 8 – Sarà proiettato oggi per la stampa e per il pubblico, alla Mostra internazionale del cinema di Venezia, il film di Marco Bellocchio “Sangue del mio sangue”, terza pellicola italiana in concorso per il Leone d’oro. Marco Bellocchio e tutto il cast sono arrivati al Lido, per assistere alla proiezione.

Il film, ambientato a Bobbio a cavallo tra due epoche, il Seicento e i giorni nostri, ha per protagonista Federico (interpretato dal figlio Pier Giorgio), un giovane uomo d’armi sedotto come il suo gemello prete da suor Benedetta che verrà condannata ad essere murata viva nelle antiche prigioni di Bobbio. Nello stesso luogo, secoli dopo, tornerà un altro Federico, sedicente ispettore ministeriale, che scoprirà che l’edificio è ancora abitato da un misterioso conte, che vive solo di notte.

 

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Cultura e Spettacoli Foto Gallery Val Trebbia

NOTIZIE CORRELATE