Val D'Arda

Spaccio nel Riglio, 6mila euro al giorno. Ecco il video della cattura

12 dicembre 2015

Screenshot - 12_12_2015 , 16_38_50

Emergono nuovi dettagli dall’importante operazione dei carabinieri della compagnia di Fiorenzuola, guidati dal maggiore Emanuele Leuzzi,  che nella tarda mattinata di ieri ha portato all’arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti di quattro persone, tutte giovani e di origine marocchina, nelle campagne tra Cadeo e Pontenure lungo l’alveo del torrente Riglio.

I carabinieri erano sulle tracce dei soggetti già da alcuni mesi, anche grazie alle numerosissime segnalazioni ricevute in particolare su tre zone della provincia e sull’area di Castelnuovo Bocca d’Adda nel cremonese.

Le indagini hanno consentito di delineare uno schema di spaccio articolato e ben strutturato, nel quale gli arrestati, tutti provenienti dal milanese, si erano spostati nelle province di Lodi, Cremona e Piacenza anche a causa della saturazione del mercato milanese, per trasferirsi quindi a Castelnuovo Bocca d’Adda, poi a Caorso – prima dalle parti di Roncarolo e poi in via Torta – e successivamente lungo il Riglio tra Cadeo e Pontenure.

E’ proprio in questa zona che i militari, con una operazione che ha coinvolto 25 uomini (19 a piedi e 6 in auto) sono riusciti a catturare i quattro, dopo appostamenti nelle cascine circostanti.

La loro attività si svolgeva di giorno a orari ben definiti – dalle 11,30 alle 18 – durante le quali avevano messo a disposizione dei clienti, un giro di fedelissimi di circa 70-80 persone, un numero di telefono cellulare. La confezione delle dosi e lo smercio avvenivano nell’alveo del torrente, lontano dalla vista.

I carabinieri hanno trovato, nascosto tra i cespugli, un marsupio con 100 grammi di cocaina purissima, ma si presume che possano esserci nascosti nella zona anche circa 300 grammi di eroina, che nella loro attività forniva il 90% dei proventi. Per la ricerca verranno utilizzati anche i cani forniti dalla Guardia di finanza.

Il volume di affari giornaliero si aggirava attorno ai  6mila euro e la quantità settimanale di sostanze stupefacenti spacciate era di circa un chilo e mezzo.

Per i quattro arrestati è scattata la custodia cautelare e dovranno comparire davanti al Gip. Nelle operazioni due carabinieri sono rimasti lievemente feriti.

Le indagini, nel frattempo, proseguono per scoprire se facevano parte di una organizzazione più vasta.

Un particolare ringraziamento è stato rivolto dal maggiore Leuzzi a tutti i cittadini che, con pazienza, hanno dato ospitalità ai carabinieri per gli appostamenti nelle loro cascine.

Nelle immagini seguenti il momento dell’arresto di uno dei quattro spacciatori:

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Foto Gallery Val D'Arda Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE