Taccheggiatore scatenato: manda al pronto soccorso tre carabinieri

12 Gennaio 2016

Borgofaxhall-800

Taccheggiatore scatenato, con lo scopo di sfuggire alla giustizia, ingaggia una colluttazione con tre carabinieri che son poi costretti a ricorrere alle cure del pronto soccorso. E’ accaduto oggi intorno a mezzogiorno in un negozio di scarpe nella galleria Borgofaxhall. Protagonista dell’episodio un cittadino marocchino di vent’anni.

Il giovane dopo essere entrato nel negozio era riuscito ad impossessarsi di un paio di scarpe del valore di cinquanta euro. Senza farsi vedere il giovane aveva infilato in un sacchetto di plastica le scarpe rubate e si era avviato all’uscita. Qui però è stato tradito dal sistema antitaccheggio. Vistosi scoperto il nordafricano è fuggito di corsa, inseguito da un addetto alla vigilanza.

L’inseguimento a piedi si è protratto fino in via Torricella, dove il fuggitivo si è imbattuto in un brigadiere dei carabinieri libero da servizio che è riuscito a fermarlo. E’ stato quindi chiamato il 112 e il marocchino è stato ricondotto presso la galleria Borgofaxhall. Il giovane sembrava essersi calmato ma all’improvviso ha tentato di nuovo la fuga e correndo è riuscito a raggiungere piazzale Marconi, dove però di nuovo si è imbattuto nella pattuglia dei carabinieri del radiomobile in arrivo. Due militari dell’Arma in divisa aiutati dal brigadiere hanno faticato non poco per bloccare lo scatenato giovane che alla fine è stato ammanettato e condotto in caserma.

Il giovane marocchino è stato arrestato con le accuse di rapina impropria, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il ragazzo è risultato clandestino: aveva chiesto asilo in Germania ma non lo aveva ottenuto e così aveva raggiunto l’Italia.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà