Da domani fumatori sempre più isolati. Ecco le stangate

01 Febbraio 2016

sigaretta - fumo

Accendersi una sigaretta da domani sarà sempre più difficile anche per i fumatori più determinati. Entrano in vigore le nuove norme del Governo introdotte dalla direttiva europea sul tabacco. Il giro di vite riguarda soprattutto chi fuma in auto, anche se in sosta, in presenza di bambini o donne in gravidanza. Rischia una multa da 500 euro. Scatta poi il divieto di fumo all’aperto nei pressi di scuole, ospedali, università. Sanzioni fino a 300 euro, invece, per chi getta i mozziconi a terra.

Il fumo fa male anche a chi lo respira passivamente. Secondo il Ministero della Sanità ogni anno provoca tra i 70 e gli 83 mila morti in Italia. Stretta anche sulla vendita di tabacchi ai minori: chi trasgredisce viene sanzionato con una multa da 500 a 3.000 euro, e gli viene sospesa la licenza per 15 giorni. In caso di recidiva la multa sale fino a 8.000 euro, e la licenza viene revocata. Le novità toccano anche i pacchetti di sigarette. E’ vietata la vendita di quelli da dieci e sulle confezioni compariranno messaggi ancora più choc di quelli già presenti.

Per tutelare ancora di più i giovanissimi sarà vietata la pubblicità di liquidi o ricariche per sigarette elettroniche che contengono nicotina all’interno di programmi televisivi rivolti ai minori e nei quindici minuti precedenti e successivi alla trasmissione, nella fascia oraria dalle 16 alle 19. Così anche sui giornali letti dai ragazzi. E al cinema, nessun riferimento prima e durante la proiezione dei film a loro destinati.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà