Centrale nucleare, Gazzolo: “Rifiuti pronti per il trasporto in Slovacchia”

20 Aprile 2016

centrale nucleare di Caorso (2)-800

“Partiranno entro l’estate per la Slovacchia i rifiuti nucleari della centrale di Caorso destinati al trattamento e al condizionamento. Due operazioni fondamentali per il successivo stoccaggio nel deposito nazionale che comunque non avrà sede a Caorso”. Ad annunciarlo è l’assessore regionale all’ambiente Paola Gazzolo nel corso della prima riunione del Tavolo della Trasparenza sulla dismissione della centrale nucleare piacentina, convocato questa mattina in municipio a Caorso.
Come precisato da Sogin, intervenuta alla riunione con il direttore Ivo Velletrani, oltre 3 mila fusti di resine radioattive esauste, prodotte nel periodo in cui l’impianto era attivo, sono già stati caratterizzati in vista della spedizione al centro di trattamento slovacco di Bohunice. Nel complesso, saranno interessati dall’operazione 5 mila 500 fusti.

“Nel caso in cui non venisse individuato un deposito nazionale, i rifiuti messi in sicurezza tornerebbero temporaneamente nei siti di provenienza”. È quanto ha affermato Sabrina Romani responsabile della disattivazione dell’impianto nucleare di Caorso, nel corso del suo intervento di questa mattina al tavolo. Una prospettiva nei confronti della quale il sindaco del comune piacentino Roberta Battaglia ha espresso molte preoccupazioni.

20160420_11481820160420_114833

© Copyright 2021 Editoriale Libertà