Operatrice sanitaria colpita da meningite, 158 persone sottoposte a profilassi. Ausl: “Nessun allarme”

Aumentano le vaccinazioni: tra gli adulti somministrate più di 3mila dosi da gennaio

19 Aprile 2017

Un’operatrice socio sanitaria della casa di riposo Madonna della Bomba di Piacenza è stata colpita da meningite. La donna è stata colta da malore lunedì 17 aprile mentre si trovava in Lombardia: la paziente è stata dunque ricoverata all’ospedale San Raffaele di Milano, struttura nella quale è stata effettuata la diagnosi di meningite. È in corso la tipizzazione del batterio. La donna è una 40enne italiana che lavora nella struttura piacentina come Oss.

L’Azienda Usl di Milano ha trasmesso l’informazione a Piacenza e, come da procedura, l’Ausl ha avviato l’indagine epidemiologica e gli interventi di controllo e profilassi sulle persone che sono venute a contatto stretto con la paziente negli ultimi dieci giorni. Ieri, 18 aprile, gli operatori sanitari del dipartimento di sanità pubblica hanno provveduto a somministrare la profilassi antibiotica a tutti i contatti a rischio. Tra colleghi, familiari e ospiti della casa di riposo, sono state interessate 158 persone.

“La persona colpita versa in condizioni critiche ma stabili” ha dichiarato Maria Grazia Brescia medico dirigente malattie infettive all’Ausl di Piacenza, che aggiunge “non c’è nessuna emergenza meningite nel Piacentino. I contatti a rischio, quelli stretti e prolungati, sono già stati tutti individuati e entro stasera verranno interessati dalla profilassi”.

“È aumentata la sensibilizzazione della popolazione – conclude Maria Grazia Brescia – e da gennaio abbiamo registrato un incremento delle vaccinazioni”. Tra gli adulti, nel Piacentino sono infatti 2.672 quelli sottoposti al vaccino quadrivalente in questi primi quattro mesi dell’anno e sono state somministrate anche 648 prime dosi del vaccino antimeningococco B. 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà