Bettola, 50 anni dalla fine della littorina. Il ricordo del capostazione Carlo Petyx

30 Aprile 2017

Il 30 aprile del 1967 la ferrovia Piacenza-Bettola effettuava, dopo trentacinque anni di servizio, la sua ultima corsa: la “littorina” compiva il suo ultimo viaggio. A fischiare l’ultima partenza, il capostazione, oggi novantenne, Carlo Petyx, che conserva ancora il fischietto con il quale avviava quei viaggi entrati nei ricordi di tanti piacentini. Vera e propria metropolitana di superficie – primo esempio in Italia – il treno da Piacenza a Bettola aveva diversi altri primati, come i semafori a tre luci e la manopola detta “manomorta”. Entrò in funzione il 21 aprile del 1932: vi lavorarono 656 operai. Poi, nonostante le proteste dei cittadini, dei sindaci e dei lavoratori, arrivò la soppressione, definita da Petyx un “delitto perfetto”. Vi sono alcuni progetti per costruire piste ciclabili dove passava la littorina, ma al momento restano in attesa di finanziamento.

TUTTI I DETTAGLI SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà