Carabinieri

Aumentati arresti e denunce. Scattaretico: “Vogliamo ridurre i furti ancora del 20%”

7 settembre 2017

Sono due anni che il colonnello Corrado Scattaretico ha assunto il comando provinciale dei carabinieri di Piacenza. Un biennio che ha condotto a risultati positivi: in particolare, nel periodo che va dal settembre del 2015 all’agosto 2016 si sono registrati 211 arresti e 1.840 persone denunciate, mentre dal settembre 2016 all’agosto 2017 si è registrato un netto aumento degli arresti, che ammontano a 376, e un incremento delle denunce, giunte a 2012. Da registrare tuttavia una diminuzione dei furti e delle rapine, sia per quanto riguarda l’anno 2015/2016 che per quello 2016/2017 del 20%.

“E’ un bilancio estremamente positivo quello tracciato per i miei primi due anni in questa città”: ha esordito così il colonnello Corrado Scattaretico, comandante provinciale dei Carabinieri di Piacenza, alla conferenza di questa mattina, 7 settembre, in viale Beverora, nella quale sono stati illustrati anche gli obiettivi che il comando si prepone per l’immediato futuro. “Per il terzo anno – ha infatti proseguito Scattaretico – la meta da raggiungere sarà sicuramente quella di ridurre i reati contro il patrimonio, che solitamente colpiscono le persone più deboli traumatizzandole. Per questo io e i miei militari cercheremo il più possibile di combatterli mediante servizi mirati che, grazie all’aiuto della popolazione (le cui segnalazioni sono essenziali per arrivare nel momento giusto al posto giusto) e attraverso le telecamere a lettura targhe che i comuni stanno provvedendo a posizionare sul territorio, ci daranno la possibilità di intervenire ancor prima che vengano commessi i reati. Contiamo – ha concluso il comandante – di ridurre il prossimo anno il numero di furti ancora del 20%”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE