Per l'altro rito abbreviato

Colpo a Valenza Oro, uno dei due rapinatori patteggia: 3 anni e 4 mesi

13 dicembre 2017

Tre anni e quattro mesi. E’ la condanna inflitta a uno dei due rapinatori che nel maggio scorso avevano assaltato e rapinato la gioielleria Valenza Oro di Corso Vittorio Emanuele a Piacenza.

L’uomo, un macedone di 29 anni e per il quale l’imputazione è di rapina pluriaggravata, aveva ammesso le accuse già nell’interrogatorio davanti al giudice per le indagini preliminari Adele Savastano e oggi, mercoledì 13 dicembre, ha chiesto il rito abbreviato accolto dal pubblico ministero Ornella Chicca e confermato dal giudice Stefania Di Rienzo.
Tre anni e 4 mesi che l’imputato sconterà in carcere. Nel corso delle indagini successive alla cattura era emerso che il macedone era stato già condannato due volte a Piacenza per un totale di 28 mesi mai scontati in carcere.
Il secondo rapinatore, un serbo di 24 anni, verrà giudicato con il rito abbreviato.

Uno dei due il 17 maggio scorso, ben vestito, era riusciti ad entrare nella gioielleria facendo strada al secondo. Mentre il primo minacciava il gioielliere con una pistola, poi risultata essere una scacciacani, l’altro aveva mandato in frantumi le vetrine con una mazza e arraffato 33 Rolex in oro e acciaio per un valore  tra i 100 e i 150mila euro poi recuperati. Fuggiti e inseguiti fino in via Nova, dove avevano lasciato parcheggiato uno scooter, i due erano stati affrontati e bloccati da un carabiniere che con un colpo di pistola aveva ferito entrambi i rapinatori, uno a una mano e l’altro a una gamba.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE