Cyberbullismo, scoperti 50 casi in una scuola con un semplice questionario. Consulta dei giovani: “Colpevole chi non interviene”

11 Maggio 2018

Nel biennio di un liceo di Piacenza sono stati “scoperti” almeno 50 casi di cyberbullismo. E’ bastato distribuire agli studenti un questionario a domande chiuse per capire la portata del fenomeno. Numeri impressionanti se rapportati a tutte le scuole piacentine. Si tratta di uno dei tanti esempi presentati oggi, 11 maggio, nel corso di un convegno dedicato al tema che si è tenuto all’Isii Marconi. In cattedra sono saliti proprio i giovani, protagonisti della generazione digitale, che nasconde insidie e pericoli. Basta una foto o una frase offensiva “lanciata” sul web per distruggere la vita di qualcuno. “Siamo tutti responsabili – hanno detto i rappresentanti della Consulta degli studenti di Piacenza – anche chi vede e fa finta di niente”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà