Parte la campagna vaccinale di Ausl

Arriva l’influenza, 5 milioni di persone rischiano il contagio. Dal 5 novembre vaccini disponibili

17 ottobre 2018

Non lasciatevi ingannare dalle temperature miti di questi giorni perché con l’arrivo dell’autunno incombe il pericolo dell’influenza. Il temuto virus, che anche quest’anno costringerà a letto 5 milioni di italiani, è in agguato. Per sfuggirgli c’è un’arma: la vaccinazione. La campagna prende il via a Piacenza il 5 novembre.

Le tipologie fornite per la stagione influenzale di quest’ anno sono state parzialmente modificate dopo i casi di contagio dell’anno scorso dovuti alla mancanza, nei vaccini, di un ceppo. Saranno disponibili: il vaccino split quadrivalente autorizzato a partire dai 6 mesi di eta’, contenente due virus di tipo A e due virus di tipo B, da destinare alle persone fino a 75 anni; vaccino trivalente, in cui l’adiuvante aumenta l’ immunogenicità e la capacità di protezione verso virus varianti, nonchè la durata nel tempo della protezione conferita. E’ raccomandato per tutti i grandi anziani(>75 anni) e per gli over 65 qualora affetti da patologie croniche di base che condizionino un’ immunodepressione.

Il principale obiettivo della campagna vaccinale è il raggiungimento di tutti quei soggetti che, in caso di infezione, potrebbero andare incontro a gravi complicanze: persone di età pari o superiore a 65 anni e chi è affetto da malattie croniche. Inoltre il vaccino è particolarmente raccomandato per le donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo o terzo trimestre di gravidanza.

Oltre la vaccinazione si può correre ai ripari e contenere la diffusione dei virus adottando semplici misure quotidiane: lavaggio frequente delle mani, coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, utilizzare fazzoletti monouso e stare a casa quando si manifestano i primi sintomi per evitare di contagiare chi ci circonda. Ci si potrà vaccinare fino a dicembre e la protezione scatta dopo circa due settimane.

https://youtu.be/mQ228bv5BSg

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE