San Giorgio

Dopo una condanna a due anni, torna a perseguitare la ex moglie: arrestato

2 febbraio 2019

Un 44enne operaio di San Giorgio è stato arrestato dai carabinieri per stalking nei confronti della ex moglie. Una prima condanna per l’identico reato evidentemente non era stata sufficiente a placarlo, nei giorni scorsi erano riprese le minacce alla donna e ai loro figli. La ex moglie si è così rivolta ai militari della Stazione di San Giorgio, che, su disposizione del tribunale, hanno fatto scattare le manette, portandolo al carcere delle Novate.

L’uomo stava scontando una pena di due anni ai domiciliari per maltrattamenti e lesioni personali nei confronti della donna, ma dall’ottobre del 2018 la misura gli fu sostituita con quella dell’obbligo di presentazione trisettimanale alla Stazione dei carabinieri. Aveva quindi la possibilità di muoversi e di frequentare i luoghi di lavoro e spostarsi in città.
Vittima dello stalker la sua ex moglie, che già in precedenza, per tutto l’anno 2017 e sino al suo primo arresto nel marzo del 2018, era stata costretta a subire dall’ex marito ingiurie e minacce (anche di morte), talvolta dinanzi al figlio minore, nonché atti di aggressione fisica sia all’interno delle mura domestiche, sia in luoghi pubblici, sia presso il luogo di lavoro. L’uomo spesso era ubriaco.

Ultimamente il 44enne operaio era ridiventato un molestatore ostinato, pericoloso e perseverante. Ha iniziato a telefonare in continuazione e ad inviare messaggi offensivi e ingiuriosi, con minacce di morte per la moglie e per i figli, arrivando addirittura a descrivere il modo in cui ciò dovrebbe avvenire.
La settimana scorsa la moglie si è presentata in caserma a San Giorgio per chiedere aiuto. I carabinieri, con un’ informativa, hanno interessato la Procura della Repubblica di Piacenza. Il Gip, su richiesta del pubblico ministero, ha deciso per un nuovo arresto, che è stato eseguito dai militari della Stazione di San Giorgio. L’uomo è stato accompagnato al carcere di Piacenza in regime di alta sorveglianza.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE