Marciapiedi invasi e incroci senza sensori acustici: la mobilità quasi impossibile dei ciechi

23 Marzo 2019

Passano gli anni, ma i problemi restano. Lo ha ribadito l’Unione Ciechi e ipovedenti di Piacenza che si è riunita per la tradizionale assemblea associativa: fra i presenti anche un’ospite d’eccezione, il vicesindaco Elena Baio, a cui l’Unione ha presentato le richieste avanzate da ormai diversi anni.
Dal problema dei marciapiedi spesso invasi (da auto, biciclette e non solo) o sconnessi agli attraversamenti pedonali per lo più senza sensore acustico, fino al superamento dei salvacoda che in ospedale ci sono, ma in altri uffici pubblici no: sono queste le richieste espresse dal presidente Giovanni Taverna.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà