In strada Gragnana

Un ponte ciclopedonale per collegare la Veggioletta alla città

16 luglio 2019

“Stiamo lavorando, in accordo con il Consorzio di Bonifica, per studiare la fattibilità di un intervento che permetta di realizzare un ponte ciclopedonale in grado di attraversare il cosiddetto Canale della Fame lungo strada Gragnana, in modo che sia agevole e sicuro il collegamento tra la Veggioletta e la città nella zona di Largo Morandi”. Il progetto è stato annunciato dall’assessore al lavori pubblici del Comune di Piacenza Marco Tassi dopo una serie di sopralluoghi nella zona della Veggioletta e, a seguire, a Sant’Antonio. L’intervento rientra in una serie di lavori di messa in sicurezza di tutto il comparto, particolarmente sollecitato da un punto di vista di traffico viabilistico, che ha visto nei giorni scorsi anche la realizzazione di un nuovo tratto di marciapiede sempre su strada Gragnana, all’incrocio con via Gianelli

“Abbiamo verificato gli interventi già realizzati nei due quartieri nei mesi scorsi, a partire dalla sistemazione di diversi marciapiedi, da via del Maino a via Franceschini, fino a via Emilia Pavese lungo il parcheggio all’incrocio con via Carini, e dei tratti d’asfalto più ammalorati – spiegano gli amministratori accompagnati da alcuni abitanti della zona –. Abbiamo registrato alcune richieste che riguardano più che altro la sicurezza di alcune strade, quali ad esempio via Einaudi, su cui abbiamo già disposto la chiusura di tutti i varchi per evitare l’inversione di marcia”.

Per quanto riguarda Sant’Antonio, dove sono stati recentemente realizzati alcuni attraversamenti pedonali luminosi, le maggiori richieste sono giunte per la sistemazione della banchina lungo via Emilia Pavese nel centro della frazione, un intervento atteso da molti anni e sui quali i tecnici stanno analizzando le possibili soluzioni per la messa in sicurezza, compatibilmente con gli spazi a disposizione, le esigenze tecniche, il codice della strada e con le autorizzazioni dei privati che sono i proprietari della striscia di terreno interessata.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE