A Mezzano Scotti

“Con Tommy per Heal”: serata benefica per ricordare il piccolo Tommaso

27 agosto 2019

Partita benefica a Mezzano Scotti con grande partecipazione, fisica ma soprattutto emotiva, in ricordo di Tommaso Granelli, nella serata “Con Tommy per Heal”, associazione alla quale è stato devoluto il ricavato. Una manifestazione – organizzata in memoria di un bimbo, Tommaso, nato nel 2009, e portato via nello scorso marzo a soli 10 anni da un tumore cerebrale infantile – voluta dai suoi genitori Silvia e Giuseppe nella quale i suoi coetanei lo hanno ricordato giocando a calcio, e poi con il concerto di Marco Rancati.

“Lo facciamo per sostenere l’associazione Heal (che in inglese significa guarire) che è nata al Bambin Gesù di Roma, fondata da medici e famiglie e si occupa di ricerca, di interventi di sensibilizzazione,di cercare cure” hanno spiegato i genitori.

“Mio marito è stato colonna portante nella malattia – ha raccontato la mamma Silvia -. Gli era venuta anche l’idea di radersi i capelli insieme a Tommy, perché a nostro figlio non pesasse il fatto di perderli. Mio marito è riuscito sempre a rasserenare Tommy. Lo faceva sorridere. Dove non arrivavo io, arrivava lui, e viceversa. Ogni bimbo dovrebbe poter essere sereno. Ora ci rimbocchiamo le maniche per questo”.

Una storia, quella dei genitori del piccolo Tommy, che si è incrociata con quella di una famiglia famosa, quella di Elena Santarelli e il calciatore Bernardo Corradi, che con il figlio Giacomo, anche lui 2009, stanno vivendo una esperienza analoga. Il loro figlio ora è in “follow up”, una fase di controllo. Ma l’abbraccio tra le due famiglie resta, forte, perché malattie come questa rendono simili tutte le famiglie.
E l’attrice e conduttrice televisiva, testimonial dell’associazione “Heal”, ha mandato un messaggio a tutti i piacentini: “Per me è stato davvero un onore conoscere la famiglia Granelli», ha detto a Libertà Elena. «In loro ho visto davvero tutta l’incredibile forza del “dopo”. Il loro dolore resta, ma diventa aiuto per gli altri”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Val Trebbia

NOTIZIE CORRELATE