Coronavirus

Patrizia Barbieri al premier Conte: “Vogliamo misure più restrittive come in Lombardia”

21 marzo 2020

Il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri chiede al presidente del Consiglio Giuseppe Conte misure ancora più stringenti per il nostro territorio nel contrasto al contagio al Convid-19. Lo ha annunciato lei stessa nell’ormai consueto post serale pubblicato sulla sua pagina Facebook.

“Oggi ho parlato con il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, congiuntamente ai sindaci di Bergamo, Giorgio Gori, di Brescia, Emilio Del Bono e di Cremona, Gianluca Galimberti – scrive la Barbieri -. Abbiamo analizzato a fondo ogni aspetto della situazione di grave emergenza che stiamo vivendo. Abbiamo chiesto ulteriori misure, più restrittive, per fermare questo virus e che i provvedimenti non fossero presi “a macchia di leopardo”, ma in modo omogeneo. Anche il dialogo con il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, è stato costante anche con riferimento alle decisioni assunte nel riminese.

Mi aspetto che nell’immediato venga definito con chiarezza a livello nazionale quali tipologie di aziende debbano restare aperte per garantire servizi essenziali o per cause di necessità, e quali possano essere chiuse.

Vi prego di ascoltarmi bene. Nessuna decisione è facile in queste ore. Stiamo fronteggiando in tutto il Paese un’emergenza sanitaria e stiamo combattendo un virus nuovo, mutevole, che sembra comportarsi in modo diverso nelle diverse regioni del mondo. Non stupitevi se certe decisioni vengono prese dal Governo e dalle Regioni giorno per giorno, perché lo scenario cambia continuamente. Noi Sindaci della Provincia di Piacenza stiamo lavorando senza sosta per indirizzare queste decisioni o per offrire il nostro contributo”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza