Oltre 1500 domande

Buoni spesa, quasi 300 famiglie ne hanno già beneficiato

11 aprile 2020

Buoni spesa per i cittadini in difficoltà economica, sono 298 i nuclei familiari che hanno già potuto beneficiare dell’iniziativa messa in campo per garantire un sostegno alle persone più gravemente colpite, sotto il profilo finanziario, dall’emergenza Coronavirus. Le domande presentate sino ad oggi sono in totale 1.588, così suddivise: 768 trasmesse mercoledì 8 aprile, 505 inviate giovedì 9 e 315 ieri, venerdì 10 aprile. “Nei giorni scorsi – dichiara l’assessore ai Servizi sociali, Federica Sgorbati – gli uffici comunali hanno subito dato il via all’esame delle domande pervenute mercoledì, dando risposta positiva sino a questo momento a 298 richiedenti, per un totale di 3.365 buoni spesa distribuiti di importo complessivo pari a 84.125 euro. L’istruttoria delle restanti domande pervenute sino ad oggi è attualmente in corso. Credo sia importante sottolineare il risultato sotto il profilo della tempestività di risposta degli uffici (buoni erogati a due giorni soltanto dalla ricezione delle prime domande) grazie all’impegno e alla collaborazione che c’è stata fra le strutture e il relativo personale (Servizi sociali ed educativi, Servizi amministrativi dell’assessorato, Sistemi informativi, Staff del Direttore generale), che hanno consentito di predisporre un’adeguata procedura e la modulistica online in pochissimo tempo per ricevere un numero così elevato di richieste, senza nessun servizio affidato all’esterno e senza costi per l’ente”.

Il vademecum per i cittadini in condizioni di difficoltà economica che, rientrando nei criteri previsti per l’assegnazione del beneficio, vogliono fare domanda per ottenere il contributo una tantum che varia dall’importo di 150 euro (per i nuclei composti da una sola persona) a un massimo di 500 euro è pubblicato all’indirizzo www.comune.piacenza.it/buonispesa. Nella medesima sezione del sito web comunale, è possibile consultare i requisiti necessari per l’accesso alla misura di sostegno finanziario, nonché trasmettere la richiesta in via telematica, compilando l’apposito modulo disponibile on line sino alla mezzanotte di mercoledì 15 aprile. Verranno accolte le richieste che rispettino i criteri previsti sino all’esaurimento dei fondi a disposizione, complessivamente pari a 548 mila euro. Ad avere la priorità saranno i nuclei familiari che non percepiscono redditi o sostegni pubblici al reddito.

Per presentare la richiesta di contributo è necessario disporre di un indirizzo di posta elettronica e, dopo aver verificato la corrispondenza ai criteri di ammissione, avere a portata di mano i documenti e le informazioni che si dovranno condividere, nonché una foto o la scansione della carta di identità o altro documento di riconoscimento, del permesso di soggiorno o rinnovo dello stesso per i cittadini non comunitari. E’ importante accertarsi se il proprio nucleo familiare è beneficiario di una rendita o contributo pubblico, annotandone la tipologia, l’ammontare mensile e la durata.
Una volta compilato e trasmesso il modulo, seguendo passo dopo passo le istruzioni riportate sul sito, si otterrà una ricevuta di avvenuto invio. Nei giorni successivi, si raccomanda di controllare regolarmente la casella di posta elettronica di cui si è fornito l’indirizzo, perché lì si riceveranno tutte le comunicazioni inerenti alla domanda e, in caso di accoglimento, gli stessi buoni spesa.
Chi riscontrasse problemi nella compilazione può contattare, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12, i seguenti numeri: 0523-492595/2528/2475 per informazioni e 0523-492596/2530 per supporto alla compilazione on line.

I buoni spesa possono essere utilizzati per acquistare generi alimentari o prodotti di prima necessità, con l’esclusione di alcolici, farmaci e ricariche telefoniche. I voucher, per un importo totale corrispondente alla propria situazione familiare, verranno trasmessi direttamente via e-mail (o, in caso di mancata connessione e indisponibilità di strumenti informatici, con le modalità indicate telefonicamente dagli operatori comunali, previo appuntamento).
Ciascun buono, del valore di 25 euro, riporta i dati e le istruzioni per l’utilizzo. E’ possibile stamparli o mostrare il codice a barre dallo smartphone. Gli esercenti intenzionati ad aderire all’iniziativa, possono comunicare l’intenzione di accettare i buoni spesa compilando il modulo in allegato e inviandolo all’indirizzo email del gestore: [email protected] (utile anche per ricevere informazioni e maggiori chiarimenti).

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza