Raffreddori e difficoltà respiratorie ma non è il Coronavirus: boom di allergie

16 Aprile 2020

Raffreddore, starnuti, difficoltà respiratorie. Questa volta non stiamo parlando di Coronavirus ma di allergie che, con l’arrivo della bella stagione si scatenano nelle forme più o meno gravi. Ma quest’anno con qualche preoccupazione in più, dovuta al fatto che i sintomi sono simili a quelli del Covid 19. L’allergologa Eleonora Savi chiarisce alcuni punti e dà consigli utili: “Per prima cosa ci tengo a dire che una persona allergica non ha più probabilità di ammalarsi di Coronavirus rispetto agli altri. Ovviamente se le mucose sono irritate diventa più difficile distinguere le due cose anche se l’allergia non porta mai febbre e questo è già un segnale che aiuta nella diagnosi. Le persone allergiche ormai riconoscono i sintomi – spiega Savi – e devono iniziare da subito le cure per evitare che la situazione peggiori perché non è il momento adatto per recarsi in ospedale”.

In queste settimane si sono registrati casi gravi di asma: “Le mascherine aiutano a difendersi da pollini e graminacee presenti ma il fatto che le persone passino tanto tempo sui balconi per stare all’aria aperta e alleviare il periodo di quarantena forzata, aggrava le patologie allergiche”.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà