Attive le pattuglie a terra

Il drone della polizia si alza su Piacenza: controlli su un centinaio di persone

24 aprile 2020

Un centinaio di persone identificate e circa 40 veicoli controllati. La questura di Piacenza ha utilizzato un drone per monitorare il territorio nell’ambito delle operazioni quotidiane contro la microcriminalità e degli interventi anti-Covid. Il velivolo radiocomandato – un “bestione” a sei eliche con una telecamera mobile – si è alzato nel cielo cittadino oggi pomeriggio (24 aprile), in particolare a piazzale Marconi, nel quartiere Peep e in altri parchi cittadini.

ZOOM POTENTE E SUPPORTO A TERRA – Il mezzo è stato pilotato da una squadra di agenti proveniente da Roma, raggiungendo una quota aerea di cinquanta metri d’altezza. A terra, invece, le volanti sono state pronte a intervenire su eventuali casi sospetti avvistati dall’alto. Grazie al drone la polizia ha ispezionato in tempi rapidi i giardini Margherita, il sottopassaggio ferroviario e altre zone urbane a caccia di possibili assembramenti di persone. Le forze dell’ordine hanno sfruttato al massimo lo zoom ad alta definizione del dispositivo, che ha permesso di restringere la visuale su passanti e automobili fino a novecento metri di distanza. L’attività di sicurezza urbana è stata fortemente voluta dal questore di Piacenza Pietro Ostuni per intensificare la presenza delle pattuglie anche in vista del weekend del 25 e 26 aprile.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE