In piazza Cavalli

Festa del 25 aprile, il sindaco: “Dedicata a tutti coloro che lottano in prima linea per noi”. FOTO

25 aprile 2020

Si celebra oggi, sabato 25 aprile, il 75esimo anniversario della Liberazione italiana dal nazifascismo. Un anniversario che arriva nel pieno dell’emergenza sanitaria. La cerimonia, andata in scena ovviamente senza presenza di pubblico e nel rispetto delle norme anticontagio, è stata trasmessa in diretta su Telelibertà.

“Questa cerimonia, per quanto diversa possa apparirne il volto, non perde certo il proprio significato più profondo, che diventa, se possibile, ancor più forte e attuale” sono state le parole del sindaco e presidente della Provincia di Piacenza, Patrizia Barbieri nel suo discorso particolarmente toccante, con tanti riferimenti a testimonianze del passato, ma anche diverse contestualizzazioni alla situazione che sta vivendo la nostra città.

“Penso a tutti coloro che operano in prima linea a tutela della collettività, assistendo chi è malato – ha detto ancora la Barbieri -, continuando a garantire un fondamentale presidio del territorio. E’ a tutti loro che oggi vorrei dedicare questa festa, perché la loro etica professionale, l’umanità e il coraggio di cui danno prova ogni giorno rendono onore ai valori e ai princìpi fondanti della Resistenza; nonché all’esempio dei tanti medici e infermieri che, in quegli anni, fecero una precisa scelta di responsabilità e umanità, pagandola anche con la propria vita”.

Sul palco anche il presidente Anpi Stefano Pronti: insieme hanno deposto una corona al Sacrario dei Caduti prima del minuto di raccoglimento in memoria delle donne e degli uomini che hanno dato la vita per la Resistenza.

Sono stati inoltre deposti omaggi floreali alle lapidi Dolmen di Stradone Farnese, Liceo Scientifico angolo via IV Novembre, lapide sul muro Ospedale Militare, sacrario nel cortile di Palazzo Gotico, Lapide Piazzale Velleia, Statue sul Lungo Po.

“Vinceremo insieme  – oggi più che mai restiamo uniti e liberi. Un 25 aprile di impegno, di unità e di speranza” questo lo slogan adottato dal comune di Piacenza che ha invitato i cittadini ad esporre il tricolore da finestre e balconi.

“L’esercizio del coraggio nel dolore ci ha sicuramente rafforzato come cittadini e come comunità – sono invece le parole del prefetto Maurizio Falco -, ci ha reso allo stesso tempo più consapevoli della nostra vulnerabilità e della nostra forza, ricordandoci che l’unica formula efficace nelle situazioni di emergenza è la unità nella solidarietà”.

IL DISCORSO DEL SINDACO BARBIERI

IL DISCORSO DI STEFANO PRONTI

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza