L'appello

“Non toccate i cuccioli di capriolo, la madre non li riconosce più”

6 maggio 2020

È partita la campagna “Non toccate i cuccioli di capriolo” a cura dei responsabili del centro recupero animali selvatici di Niviano. Dal centro invitano a non toccare i cuccioli di capriolo, che in questa stagione è possibile notare in mezzo all’erba alta o alla boscaglia. I piccoli vengono infatti lasciati di proposito dalle madri da soli in quanto, essendo privi di odore e avendo un manto che si confonde con la vegetazione, più facilmente possono sfuggire all’attacco dei predatori. Toccandoli si rischia di renderli irriconoscibili alla madre e di pregiudicarne il futuro. Di qui l’appello: “Non toccateli – dice la responsabile Fabiana Ferrari – lasciateli dove sono, la madre non li ha abbandonati”.

I DETTAGLI SU LIBERTÀ

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE