Dodi non riapre: “Torno a giugno, ora mi devo riprendere dalla malattia”

16 Maggio 2020

Non tutti i bar rialzeranno la saracinesca lunedì mattina. Carlo Dodi del Tuxedo di via Colombo ha deciso di rimandare la tanto attesa riapertura al mese di giugno, per prendersi ancora qualche settimana di convalescenza dopo la dura malattia da Coronavirus attraversata sul letto d’ospedale. “Ho bisogno di alcuni giorni di riposo in più – spiega il barista – perciò riaprirò il Tuxedo il primo giugno. Aspetto i miei amati clienti per un saluto, chiaramente con la loro inseparabile mascherina”.

L’importanza delle misure di protezione individuale la conosce bene: Dodi ha vissuto sulla propria pelle l’infezione da Covid, durante un mese di ricovero nel nosocomio di Castel San Giovanni che ha definito “spaventoso e sofferente”. In un certo senso il titolare del Tuxedo ha conosciuto persino la morte: qualcuno aveva infatti diffuso la voce che fosse deceduto in seguito al contagio, pubblicando numerosi messaggi di cordoglio sulla sua pagina Facebook. Notizia che Dodi si era affrettato a smentire, ovviamente: “Sto benissimo – aveva scritto sui social network – fra un po’ di tempo saremo ancora tutti insieme”. Quel traguardo, ora, è fissato per lunedì primo giugno.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà