Violenze domestiche, in una settimana una decina di donne al centro antiviolenza

30 Maggio 2020

Violenze domestiche: il lockdown di questi mesi non ha aiutato le donne ad uscire da situazioni drammatiche ma, al contrario, le ha costrette a condividere gli stessi spazi con i propri aguzzini, giorno e notte per oltre due mesi e mezzo, senza alcuna via di fuga. Il centro antiviolenza “Città delle donne” Telefono Rosa città di Piacenza è rimasto sempre attivo e disponibile, seppur con modalità imposte dall’emergenza Coronavirus. “Le nostre operatrici hanno continuato a garantire supporto telefonico alle donne che ne abbiano avuto necessità” – spiega la presidente dell’associazione Donatella Scardi. Dal 16 marzo al 18 maggio sono stati 32 i nuovi contatti ricevuti e quattro vittime sono state collocate nelle strutture protette. Dal 18 maggio, data di riapertura dell’attività al pubblico, si sono già presentate 9 donne e un’emergenza. “In una sola settimana – aggiunge Scardi- abbiamo già raccolto numerose segnalazioni. Quello che è successo nelle case lo scopriremo nel tempo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà