Autoscuole Unasca

“Bene la ripresa degli esami, ma tempi d’attesa troppo lunghi”

13 giugno 2020

“A Piacenza gli esami per la patente programmati nel mese di giugno sono troppo pochi”. È la presa di posizione dell’Unasca, la sigla di rappresentanza delle autoscuole di città e provincia. Dal 9 giugno, infatti, la motorizzazione civile di via Maestri del Lavoro ha riavviato le prove teoriche per il foglio rosa con mascherina, gel disinfettante, termoscanner e, soprattutto, postazioni dimezzate per un totale di circa trenta allievi nell’arco di una mattinata.

“Le scuole guida – sottolinea l’Unasca – ringraziano l’ente per l’impegno profuso a favore della ripresa dell’attività in condizione di massima sicurezza per esaminatori, candidati, insegnanti e istruttori. Ma va anche chiarito che i turni prefissati per gli esami di teoria non sono sufficienti nemmeno per esaurire gli allievi già prenotati precedentemente, che avevano dovuto rinunciare al quiz a causa dello scoppio dell’epidemia da Coronavirus. Ci auguriamo che nei prossimi mesi si possa arrivare a una quantità di prove teoriche decisamente superiore, anche considerando la stagione estiva”.

L’Unasca rimarca che “anche le autoscuole sono ben felici di poter accedere con i propri allievi a questo importante traguardo. È innanzitutto un servizio fondamentale per tutti i cittadini, di buon auspicio per un rapido ritorno alla quotidianità e un segnale importante per la ripartenza di tutti i servizi. Ma sarà comunque difficile recuperare i test al computer e in strada persi nel periodo di lockdown. Ci teniamo quindi a comunicare agli utenti e alle loro famiglie che, nonostante le autoscuole abbiano ripreso fra mille difficoltà, i tempi di attesa per sostenere gli esami rimarranno lunghi. Occorrerà molto tempo prima di tornare alla normalità”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE