Dopo l'annullamento

Fiva: “Vedremo se organizzare ancora il Mercato Europeo”

5 settembre 2020

“Valuteremo se vale ancora la pena organizzare il Mercato europeo a Piacenza. Il Comune ci dica se è interessato a ospitare la manifestazione l’anno prossimo, perché in questa fase non c’è stato rispetto”. È amareggiato Giacomo Errico, presidente nazionale di Fiva (Federazione italiana venditori ambulanti), per l’annullamento della fiera internazionale sul Facsal stabilito dalla Giunta Barbieri.

Il Mercato europeo, promosso dall’associazione di categoria del settore, non si terrà per la prima volta in sedici anni: il sindaco non ha concesso l’autorizzazione per lo svolgimento dell’iniziativa nel fine settimana del 18-20 settembre per motivi sanitari legati alla prevenzione del contagio da Covid. “Così, insieme ai referenti provinciali di Fiva – interviene Errico – abbiamo chiesto un incontro formale al primo cittadino per conoscere meglio le ragioni della sua decisione. Ad oggi, però, non siamo stati ricevuti”. E il presidente nazionale di Fiva non nasconde, senza mezzi termini, la possibilità che l’anno prossimo il Mercato europeo non torni sul pubblico passeggio di Piacenza. “Il weekend piacentino del 18-20 settembre è stato rimpiazzato velocemente: la fiera si terrà a Cinisello Balsamo. L’annullamento di Piacenza è stato un fulmine a ciel sereno. E il sindaco, per ora, non ha accettato di incontrarci per conoscere la nostra posizione”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE