Penice, la neve c’è ma la gente non si può spostare. Bar e impianti chiusi

04 Dicembre 2020

In quest’anno-beffa la neve ha deciso di cadere abbondantemente (50 centimetri) proprio quando nessuno – tranne chi vive nel Comune, cioè Bobbio – poteva andarla a vedere, o arrivare al Penice per giocare, slittare, e magari sostenere le attività del posto, due ristoranti-bar al passo (ma lungo la strada ce ne sono altri) e l’unica pista da sci del Piacentino. Quindi: guardare e non toccare, al momento, e il motto vale per chi viene da “fuori”, non di certo per chi in queste ore ha continuato a spalare la neve, nella speranza che qualche turista prima o poi possa arrivare, magari alla riapertura della zona gialla. Il bar “Buscaglia” era stato aperto solo a luglio; allo “Scarpone” si dice che paradossalmente una neve così non si vedeva da anni. La stazione sciistica punta ad accogliere almeno – come consentito – gli Sci Club. Ieri, 3 dicembre, le piste sono state tutte battute.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà