Tra mascherine e distanze, spazzata via l’influenza nella nostra provincia: azzerati i contagi

20 Gennaio 2021

Il distanziamento sociale, le mascherine sempre indossate, la sanificazione delle mani e la riduzione dei contatti tra persone, sembrano aver “spazzato” via l’influenza stagionale, il cui picco, di norma, si verifica proprio nei mesi di dicembre e gennaio. Quest’anno, invece, non si è ancora registrato alcun caso accertato di influenza, nella provincia di Piacenza. Lo conferma il direttore di Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl di Piacenza, Marco Delledonne: “Tutte le regole imposte per contrastare la diffusione del Covid stanno azzerando la circolazione dei virus influenzali di tipo A e B, che solitamente colpiscono duro in questo periodo”.

Un fenomeno che riguarda tutta l’Italia, dove, nella prima settimana del 2021, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, l’incidenza delle sindromi simil-influenzali si mantiene sotto la soglia basale con un valore pari a 1,4 casi per mille assistiti. Nella scorsa stagione, nella stessa settimana, il livello di incidenza era pari a 6,6 casi per mille assistiti.

Complice di questo risultato anche la campagna vaccinale che, quest’anno, ha raggiunto livelli record. Nel 2017 i vaccinati, solo dal Dipartimento, erano stati oltre 1.900 nella nostra provincia, 2.500 nel 2018, oltre 3.700 nel 2019 mentre, ad oggi, sono arrivati a quota 7.500. Di questi, 2.100 sono operatori sanitari (erano solo 90 nel 2017). “Sono molto soddisfatto perché quest’anno abbiamo vaccinato, come Dipartimento, il doppio dello scorso anno, a cui vanno aggiunti i dati dei vaccini somministrati dai medici di medicina generale e dalle farmacie, per un totale di 98mila persone “coperte” dal vaccino su tutto il territorio provinciale. Un obiettivo eccezionale che sta contribuendo a ridurre la circolazione dei virus influenzali e ci permette di concentrarci di più sulla lotta che stiamo portando avanti contro la diffusione del Covid”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà