Pioggia, neve e sale in città lasciano in eredità buche e disagi

23 Gennaio 2021

Strade piene di buche: ecco l’eredità del maltempo. Dopo le ultime settimane di neve, ghiaccio, pioggia (e sale) le vie di Piacenza si ritrovano in pessime condizioni. Un po’ ovunque, ci sono crepe e voragini nell’asfalto. All’incrocio tra via Giarelli e via Benedettine, si sono aperte alcune buche tra i cubetti di porfido: il maltempo si è portato via le toppe d’asfalto messe in passato. In via XXI Aprile, invece, ci sono dei veri e propri “crateri”: le ruote dei veicoli sprofondano una dopo l’altra. In via Cassina, nella zona di Borgotrebbia, i giovani in bici che raggiungono il campo da calcio devono schivare una lunga successione di buche; e basta la ruota di un’auto a dissestare ulteriormente la superficie e a far schizzare i sassi.

Le segnalazioni dei cittadini arrivano poi da via Montebello, dove “le buche sono talmente profonde – dice un residente – che le biciclette e le moto rischiano di ribaltarsi”. Anche viale Sant’ambrogio – su entrambe le corsie – è pieno di “crateri”: i mezzi, tra cui diversi autobus, cercano di schivarli. I dissesti sono da attribuire soprattutto all’acqua assorbita dall’asfalto, ma anche al sale rilasciato per evitare la formazione del ghiaccio: se da una parte risulta utile a evitare gli incidenti, dall’altra corrode il bitume.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà