Margherita Croci: “Non sottovalutiamo il rischio di inquinare il mondo”

28 Febbraio 2021

L’associazione Plastic Free da quando si è messa in marcia nell’agosto del 2019 ha raccolto 236.425 chili di plastica. Sono tanti, ma sono ancora pochi, c’è da rimboccarsi le maniche se si pensa che ogni anno in realtà dodici milioni di tonnellate di plastica finiscono ancora in natura, ma questi non lasciano indifferenti gli oltre 400 referenti in tutta Italia e i tantissimi “cacciatori” di plastica che anche in questo ultimo anno non si sono mai fermati. Tra loro, Margherita Croci, 16 anni, fa ogni giorno la differenza, perché la disabilità che la accompagna dalla nascita non è mai diventata un alibi per non fare, per non esserci. Anzi, Marghe c’è più di tutti.
Si è messa al computer e ha confezionato un video diventato rapidamente virale, pubblicato anche sulla pagina Facebook dell’associazione nazionale Plastic Free e la cui storia è stata inviata da chi le vuole bene all’attenzione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Marghe insomma sa il fatto suo e in tanti, conoscendola, si sono fatti contagiare – finalmente un contagio buono – dal suo entusiasmo: nel video la studentessa del liceo economico sociale dell’istituto paritario “Marconi” rilancia l’appello a non sottovalutare il rischio di inquinare il nostro mondo, chiede a tutti un impegno, che può essere anche piccolo ma determinante. «Ad esempio nelle ultime raccolte di rifiuti, aperte a tutti, abbiamo trovato purtroppo ancora tante, troppe, mascherine», spiega Paolo Bersani, referente piacentino di Plastic Free e insegnante di Margherita.

TUTTI I DETTAGLI NELL’ARTICOLO DI ELISA MALACALZA SU LIBERTA’

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà