Le frasi da non dire a una donna finiscono in vetrina a Bookbank

04 Marzo 2021

“E tu quando ti sposi?”, “L’orologio biologico corre!”, “Calmati, hai le tue cose?”, “Una donna in casa trova sempre qualche lavoro da fare”, “Ma dai, oltre che bella sei pure intelligente?”.

Frasi e cliché che ogni donna si è sentita rivolgere almeno una volta nella vita e con le quali, proprio in vista dell’8 marzo, la libraia piacentina Sara Marenghi ha deciso di “tappezzare” la vetrina principale di “Bookbank”, la sua libreria.

“Troppo spesso – spiega – e soprattutto in questo periodo, si sentono sempre di più espressioni sessiste che assecondano stereotipi di genere i quali, a volte, sfociano in vere e proprie offese verbali, se non peggio. Così, prendendo spunto dal libro fresco di uscita di Michela Murgia, “Stai Zitta” (saggio di denuncia contro gli stereotipi e le frasi fatte che spengono le voci al femminile, ndc), ho capito che anche la mia libreria, nel suo piccolo, poteva fare qualcosa in tal senso. Ecco dunque l’idea di questa ‘vetrina parlante’”.

Inoltre, per tutto il mese di marzo, la vetrina ospiterà solo libri di scrittrici. “Diamo spazio alle donne che parlano di donne” conclude Sara, che sulle sue pagine social – ogni giorno da qui alla fine del mese – promuoverà- una scrittrice per farla conoscere.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà