Odysseus, in tre si dichiarano innocenti. “Nel cuore arde la fiamma da carabiniere”

15 Marzo 2021

Tre carabinieri coinvolti nei fatti della caserma Levante sono stati sentiti oggi, lunedì 15 marzo, davanti al giudice per le udienze preliminari Fiammetta Modica. Due di loro, il carabiniere Daniele Spagnolo e l’appuntato Salvatore Cappellano sono stati sentiti a sommarie informazioni, entrambi imputati in questo processo, il terzo, l’appuntato Giacomo Falanga (imputato a dibattimento in altro processo) è stato invece interrogato dal giudice come testimone. Tutti e tre si sono dichiarati innocenti prendendo le distanze dall’appuntato Giuseppe Montella che è sempre stato dipinto come il leader dei presunti carabinieri infedeli coinvolti nell’operazione Odysseus che aveva portato all’arresto di sei militari. Nella prossima udienza saranno sentiti lo stesso Montella e il maresciallo Marco Orlando anche loro imputati in questo processo.

“Sappiate che nel mio cuore arde ancora la fiamma dei carabinieri e che non si spegnerà mai, nemmeno davanti a questa tormenta”. Più o meno queste parole ha riferito davanti al giudice il carabiniere Daniele Spagnolo. Il processo ai presunti carabinieri infedeli davanti al gip Fiammetta Modica e al pm Matteo Centini. Le imputazioni principali di questa vicenda riguardano soprattutto i carabinieri coinvolti che a vario titolo rispondono di spaccio, peculato, falso, lesioni, tortura e sequestro di persona.

IL SERVIZIO COMPLETO DI ERMANNO MARIANI SU LIBERTA’ DEL 16 MARZO

© Copyright 2021 Editoriale Libertà