Lotta alle mafie, i sindacati e Libera: “A Piacenza serve un Tavolo della legalità”

19 Marzo 2021

A gran voce giunge la richiesta alle istituzioni di stipulare un protocollo d’intesa e costituire un Tavolo della legalità nel territorio di Piacenza, con l’intenzione di formalizzare obiettivi e impegni per contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata sul nostro territorio. Lo chiedono le tre sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil in collaborazione con Libera, associazione contro le mafie, proprio alla vigilia della XXVI Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, che si celebra domani.
“Come dimostrato negli ultimi vent’anni con i processi da Grande Drago a Grimilde – dice Gianluca Zilocchi (Cgil) – siamo preoccupati dell’attenzione posta dalla criminalità organizzata sul nostro territorio. La capacità di infiltrazione, soprattutto della ‘Ndrangheta, è rilevante. Pensiamo che Piacenza abbia bisogno di uno scatto di orgoglio e di una reazione più forte” affermano, sottolineando i temi a cui dovrebbe lavorare il tavolo: contrasto all’usura e all’abusivismo, al caporalato nei luoghi di lavoro, all’evasione fiscale e contributiva, alle attività economiche illegali che girano attorno al mondo degli appalti e subappalti. «Chiediamo di contrastare il ricorso al subappalto e la logica del massimo ribasso per assegnarlo e anche di migliorare la gestione dei beni confiscati”.
L’obiettivo, spiegano i tre segretari Gianluca Zilocchi, Michele Vaghini e Francesco Bighi, è coinvolgere le istituzioni e formare la cittadinanza affinché sia denunciato qualsiasi tipo di illecito. “Partirà a breve l’appalto per il nuovo ospedale – dice Vaghini – è necessario costituire prima il tavolo d’intesa”.
Si chiede una regia istituzionale e politica, perché come afferma Liotti (Libera) “non vogliamo si ripeta qualcosa di simile a quanto accaduto con l’inchiesta Grimilde. Per questo è importante il collegamento con forze dell’ordine, realtà economiche e istituzioni”.
IL SERVIZIO DI FILIPPO LEZOLI

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà