“Sposerò quella donna”, ma lei non ne vuole sapere. A processo per stalking

26 Marzo 2021

Si era messo in testa che quella ragazza conosciuta sul luogo di lavoro doveva diventare sua moglie e la madre dei suoi figli.
Un 35enne originario della Liberia aveva deciso di far venire in Italia tutta la sua famiglia per presentarla alla ragazza che lui immaginava come futura sposa, una 26enne residente in un paese della Bassa che, non solo di lui non vuole saperne proprio nulla, ma l’ha più volte denunciato.
Denunce che hanno avuto due effetti: il divieto di avvicinarsi e di comunicare con la giovane piacentina e un procedimento penale per stalking.
L’uomo, difeso dall’avvocato Stefano Moruzzi, è stato rinviato a giudizio ieri dal giudice Fiammetta Modica e il processo inizierà il 12 maggio.
La ragazza si è costituita parte civile con gli avvocati Carlo Alberto Caruso e Maria Rosa Zilli.

I DETTAGLI NELL’ARTICOLO DI PAOLO MARINO SUL QUOTIDIANO LIBERTÀ IN EDICOLA

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà