Expo, inaugurato il centro vaccinale. Fino a 5mila dosi al giorno nel Piacentino

14 Aprile 2021

Nel quartiere fieristico i tamponi per individuare il Covid hanno lasciato spazio alle dosi di vaccino per prevenirlo. A Piacenza Expo si potranno somministrare fino a duemila dosi al giorno, si tratta del sesto centro vaccinale piacentino che ridurrà la pressione sull’ex Arsenale. Anche in questo caso la struttura potrà contare sull’aiuto dell’Esercito. L’inaugurazione è andata in scena mercoledì 14 aprile, alla presenza delle autorità, degli operatori sanitari e del personale amministrativo dell’Ausl.
Nel Piacentino al momento vengono somministrate 1.500 dosi al giorno, la potenzialità complessiva, grazie anche al nuovo centro, è di circa cinquemila ma per ora, vista la consegna a rilento delle dosi, resta un miraggio.

“Invito tutti a venire, i vaccini sono sicuri” ha dichiarato il direttore generale dell’Ausl, Luca Baldino che lancia un appello: “Per evitare code chiediamo ai piacentini di non presentarsi con troppo anticipo ma poco prima dell’orario indicato sulla convocazione”. Nella giornata di domani è previsto il termine delle vaccinazioni per tutti gli ultraottantenni che hanno prenotato nei centri vaccinali piacentini. Duemila le persone anziane e fragili che attendono ancora la dose a domicilio. “I tempi per le somministrazioni sono lunghi, quindi una squadra in una giornata riesce a fare al massimo dieci vaccinazioni. Stiamo cercando di capire in che modo velocizzare i tempi ma chiediamo ai piacentini di richiedere la vaccinazione a domicilio solo in caso di reale necessità” ha aggiunto Baldino che parla di luce in fondo al tunnel in virtù dei contagi bassi che hanno portato Piacenza al centro di uno studio nazionale. “Non sappiamo se si può parlare di immunità di gregge, quel che è certo è che qui il tracciamento dei casi ha continuato a funzionare” ha spiegato il dg dell’Ausl.

Anche il prefetto Daniela Lupo, in occasione dell’inaugurazione del nuovo centro ha parlato di “segnale di speranza” e chiede alla cittadinanza di continuare a rispettare le regole per evitare di fare passi indietro. Un pensiero condiviso anche dal sindaco Patrizia Barbieri che ha sottolineato gli attestati di gratitudine ricevuti quotidianamente per il lavoro svolto dal personale sanitario nei centri vaccinali con professionalità e umanità, dote particolarmente apprezzata da chi si avvicina alla somministrazione con un po’ di timore.

Il primo cittadino in merito alle possibili nuove aperture ribadisce la richiesta di poter riaprire i ristoranti anche la sera in zona gialla nel rispetto delle normative anticontagio, magari riducendo ulteriormente, se necessario, la capienza dei locali.

Giuseppe Cavalli, presidente di Piacenza Expo, auspica che dopo l’utilizzo alternativo dei padiglioni e delle sale del quartiere fieristico (una è diventata aula di tribunale per i processi), possano tornare le fiere. “Noi siamo orgogliosi di aver messo a disposizione i nostri spazi per questa causa con l’auspicio di poter svolgere già nell’autunno 2021 una grande stagione fieristica”.

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà