Ponte Lenzino, le istituzioni scrivono a ministeri e Anas per un confronto sul progetto

21 Aprile 2021

Dopo la protesta di sabato, l’Unione montana alte valli Trebbia e Luretta ha inoltrato la richiesta di confronto al ministero delle infrastrutture, a quello dei beni culturali e all’Anas, inviando per conoscenza il documento anche alla Regione. Nella lettera firmata dal presidente Roberto Pasquali si ricordano le ragioni dell’Unione: “Il nuovo ponte, secondo l’ipotesi da noi contestata, verrebbe riedificato sul tracciato attuale, mantenendo le due curve pericolose a 90 gradi. Il ponte inoltre è probabilmente collassato anche a causa dell’incuria in cui è stato lasciato per lunghi anni. Come si potrà mantenere nel tempo il sedime di ponte rimasto sotto la nuova struttura? La pila del ponte esistente a Cerignale è in frana, così come lo sarebbe la nuova. Infine, il costo dell’opera è esorbitante, il doppio dell’ipotesi progettuale gradita al territorio e prospettata da Anas il 7 dicembre 2020”.

La lettera ricorda infatti come il costo dell’opera chiesta dalla Soprintendenza sia 21 milioni di euro, cioè 260mila euro al metro. Hanno sottoscritto l’appello, i sindaci Massimo Castelli (Cerignale), Renato Torre (Coli), Mauro Guarnieri (Corte Brugnatella), FedericoBeccia (Ottone), Lorenzo Burgazzoli (Piozzano), Claudia Borrè (Zerba), la presidente della Provincia e sindaca di Piacenza Patrizia Barbieri, i parlamentari Tommaso Foti (FdI), Pier Luigi Bersani (Leu), Davide Zanichelli (M5S), i consiglieri regionali Katia Tarasconi (Pd), Valentina Stragliati (Lega), Matteo Rancan (Lega), Giancarlo Tagliaferri (FdI). Tra le istituzioni non hanno quindi firmato: il sindaco di Travo Lodovico Albasi e i parlamentari Paola De Micheli (Pd), Elena Murelli (Lega), Pietro Pisani (Lega).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà