Castello, un nastro su targhe e monumenti: “Per ricordare i grandi della Liberazione”

22 Aprile 2021

A Castel San Giovanni è partita un’operazione di recupero della memoria collettiva. A curarla è lo studioso di storia locale Paolo Brega che, con l’approssimarsi della festa della Liberazione, ha iniziato a valorizzare targhe, lapidi e monumenti cittadini dove si ricordano personaggi che hanno fatto la storia della Liberazione, della Resistenza, della prima Repubblica e anche del periodo risorgimentale.

I primi ad essere commemorati sono stati gli antifascisti Giovanni Amendola e Mario Minoja. “Si tratta di atti semplici – dice Brega -, ma significativi, che hanno lo scopo di rinnovare la memoria storica e di celebrare con gesti concreti e simbolici le figure effigiate nelle lapidi e nelle targhe e le vicende che hanno contribuito alla loro notorietà. Il nastrino verde che utilizzo – aggiunge –  può diventare il segno distintivo di altre auspicabili iniziative del genere che possono coinvolgere tutti coloro che intendono ricordare anche una sola figura”.

I DETTAGLI SU LIBERTÀ NELL’ARTICOLO DI MARIANGELA MILANI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà