Castel San Giovanni, nuovo medico di famiglia: è la trentenne Daniela Petraglia

08 Giugno 2021

Per Daniela Petraglia, trentenne medico di famiglia, curare un paziente vuol dire prendersene carico nella sua interezza. Vuol dire visitarlo sempre, quando possibile, di persona e seguirlo passo passo durante tutte le fasi della sua vita. I pazienti di Castel San Giovanni all’inizio erano un po’ scettici.
Troppo giovane e per giunta con un’eredità, quella del dottor Luigi Politi da poco andato in pensione, davvero pesante. Nel giro di poco tempo però la sua determinazione ha fugato ogni esitazione.

“Per me – dice – fare il medico significa curare la persona a 360 gradi, nella sua interezza. Il medico di famiglia ha la fortuna di avere un contatto continuativo con i suoi pazienti. Si crea un rapporto di fiducia, si entra in contatto con la sfera personale”.

Nonostante la giovane età quello di Daniela Petraglia è un approccio per così dire alla “vecchia maniera”. “Il paziente – dice – quando possibile va sempre visitato di persona. In questo mi sono trovata in sintonia con il dottor Politi. Ci siamo conosciuti ha capito che condividevamo lo stesso modo di intendere la medicina generale e ha avuto piacere a presentarmi alcuni dei suoi assistiti. Poi quando si è saputo che lui stava per andare in pensione, è capitato che spontaneamente alcuni di loro abbiano iniziato a rivolgersi a me”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà