Fresco al mattino e bassa umidità: “Clima nella norma, ma non siamo più abituati”

26 Giugno 2021

“Siamo così abituati a estati sopra le righe che mattinate come quelle di questi ultimi giorni, in cui una lieve e fresca brezza accompagna le prime ore, ci sembrano non ordinarie. E invece appartengono al clima tipico di questa stagione”. E’ il concetto espresso da Vittorio Marzio di MeteoValnure.it, nello spiegare che nonostante la presenza di un’area di alta pressione sub tropicale sull’Italia centrale e meridionale, la pianura Padana si mantiene ai lembi riuscendo a contenere le temperature.

“Il termometro ha raggiunto comunque punte di 34-35 °C – prosegue l’esperto – ma la bassa percentuale di umidità nell’aria fa sì che la sensazione di caldo non sia così opprimente come in altre annate”.

“Il dato più significativo e importante è la scarsità di precipitazioni – spiega ancora Marzio – che possiamo quantificare in un calo del 30-40% a seconda delle aree geografiche della provincia”.

Rimanendo in tema di precipitazioni, non ci sono previsioni per i prossimi giorni, tranne eventuali temporali localizzati sulle zone collinari, generati dall’incontro delle masse d’aria umide con “sbuffi” di correnti più fresche.

Le temperature si manterranno di qualche grado sopra le medie stagionali, almeno fino a mercoledì. Una possibile variabilità è prevista tra lunedì e martedì a causa del passaggio di una perturbazione che non dovrebbe comunque portare piogge.

Marzio anticipa anche come potrebbe essere l’andamento dell’estate 2021: “Secondo i modelli meteorologici non ci dovrebbero essere eccessi di temperature – spiega – tranne la classica settimana di gran caldo solitamente innescata da un’area anticiclonica subtropicale che si installa sul Mediterraneo. Non ci dovrebbero essere comunque le ondate di calore degli anni scorsi. L’importante è superare giugno e luglio, i mesi più caldi; da agosto, poi, l’irraggiamento solare comincia lentamente a calare”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà