Dopo anni di degrado, nuovo look per la mucca alla rotonda tra Gariga e Turro

22 Luglio 2021

Si chiama “Rosina” la mucca che da ormai tanti anni dimora sulla rotatoria della statale 654 di Valnure tra Turro e Gariga e che da qualche giorno ha cambiato aspetto. Dopo anni di vandalismi e incuria, un piacentino se n’è preso cura, operando un restyilng generale all’animale, a grandezza naturale.

Massimo Borghi è tra quei piacentini che hanno visto il degrado di quella “statua” e a cui dispiaceva vederla in quelle condizioni. Con i suoi mezzi, le sue capacità, il suo tempo a disposizione e con l’aiuto della figlia Giulia ed il supporto di diversi amici ha portato a termine l’operazione “Save the vacc”, come l’ha definita lui. E da lui parte un appello: “Rispettatela, salutatela perché vi assicuro che vi sentirà o andatela a trovare perché le farà immensamente piacere”. Purtroppo, quando il lavoro non era ancora terminato, è accaduto un deplorevole episodio. Qualcuno ha rubato la coda, creata con il ciuffo di una coda di un cavallo donata da un amico. Così si è passati a realizzare una seconda coda, ma l’invito di Borghi è quello di riportare la coda al suo posto perché ha un inestimabile valore affettivo.

Un gesto, quello di Borghi, fatto non per notorietà, ma per smuovere le coscienze, perché se si vuole cambiare il mondo occorre iniziare dalle piccole cose. Sulla rotonda c’è anche un bellissimo messaggio: “Vivi con il cuore e sarai immortale”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà