Voleva un matrimonio bigamo, lite con la moglie: marocchino condannato

30 Luglio 2021

Un marocchino cinquantenne in cerca della seconda moglie è stato condannato a due anni e due mesi dal tribunale di Piacenza per maltrattamenti in famiglia. A denunciarlo è stata la prima moglie, in seguito a contusioni a un braccio giudicate guaribili in tre giorni.

L’uomo era anche accusato di averla schiaffeggiata nel 2014. Il marocchino era stato sottoposto a divieto di avvicinamento, ma successivamente era stato segnalato per il mancato rispetto della misura e, dunque, aveva scontato sei mesi agli arresti domiciliari.

L’imputato aveva cercato la seconda moglie su Facebook, solo dopo aver chiesto il consenso alla prima moglie, come previsto dalle leggi del Marocco, dove è consentita la poligamia. All’ultimo momento, sempre secondo la versione del marocchino, la situazione è precipitata: la donna avrebbe infatti reagito male di fronte alle foto dell’altra ragazza. Ecco perché la prima moglie ha chiesto e ottenuto il divorzio e denunciato l’ormai ex marito, mentre l’aspirante seconda moglie si è dileguata e l’imputato è rimasto solo con una condanna.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà