Cure costose per provare a camminare. L’appello del papà di una bambina

31 Luglio 2021

Da un paese della provincia una bimba è volata a Zagabria per provare a camminare, perché le sue gambe non si muovono. Deve ricorrere a tutori e carrozzina e finora di speranze di vederla guarita e in piedi i suoi genitori ne avevano poche. Almeno fino a quando hanno scoperto il Policlinico Glavic di Zagabria, in Croazia, dove vengono curati tanti bambini con patologie come la sua, attraverso terapie innovative e costosissime: per la giovanissima piacentina un ciclo di dodici settimane costa dodicimila euro ed è per questo che suo papà rivolge un appello alla cittadinanza affinché qualcuno lo aiuti. Dia una mano a lui e alla mamma della piccola a pagare le spese per la cura della figlia.

La malattia è una di quelle con il nome difficile: si chiama “diplegia spastica” e altro non è se non una forma di paralisi cerebrale che colpisce principalmente le gambe.

“Con la mia ex moglie abbiamo scoperto questo Policlinico che si trova in Croazia, a Zagabria, dove vengono trattati pazienti con patologie come quella di nostra figlia – spiega il papà –, la terapia lokomat: viene condotta attraverso l’ausilio di particolari supporti robotici che vengono agganciati alle gambe e al tronco per permettere alla bambina di imparare a camminare”. “La cifra da dare è alta, noi non ce la facciamo da soli – spiega – se qualcuno potesse aiutarci a sostenere queste spese mediche sarebbe importantissimo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà