Fiorenzuola, prof senza green pass fermata dalla preside: intervengono i carabinieri

08 Settembre 2021

Scontro tra una docente no vax e la preside all’istituto Mattei di Fiorenzuola, sul tema del green pass: il passaporto sanitario anti-Covid obbligatorio per il personale dell’istruzione. Nei giorni scorsi, una pattuglia dei carabinieri è intervenuta nella scuola superiore della val d’Arda per mettere ordine. “Sono stata io a contattare le forze dell’ordine – racconta la professoressa – perché la scorsa settimana, in occasione del ritorno in aula per gli esami di riparazione, la dirigente non voleva permettermi di andare in classe”.

Dall’inizio del mese, infatti, gli operatori scolastici devono mostrare la propria certificazione verde all’ingresso degli istituti, prima di entrare in servizio. In questo caso, qualche giorno fa, la docente del Mattei non aveva il documento con sé.

“Non voglio vaccinarmi, è una mia scelta legittima e consapevole. Non deve interessare a nessuno – rivendica l’insegnante – quindi, proprio per evitare problemi all’accesso a scuola, mi sono sottoposta a un tampone molecolare con esito negativo nelle 48 ore precedenti. Non avendo però ricevuto in tempo il codice del green pass temporaneo, mi sono presentata in aula solo con il referto del test firmato dal medico. Secondo la preside, non era sufficiente. Anche altri operatori del Mattei, non intenzionati a vaccinarsi, si trovano nella mia stessa situazione”.

La preside Rita Montesissa minimizza: “Non è successo nulla di grave, il carico emotivo di questi nuovi meccanismi ha fatto la sua parte. La situazione è stata stemperata subito”. Alla fine la docente ha ricevuto l’ok delle forze dell’ordine per entrare in classe.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2021 Editoriale Libertà