Giornata del prematuro, a Piacenza al via gruppi di mutuo aiuto per i genitori

17 Novembre 2021

Aumentare la consapevolezza sulle sfide che la nascita pretermine pone per i neonati e per le loro famiglie. E’ lo scopo della Giornata della prematurità, che si celebra oggi – 17 novembre – in tutto il mondo. E non a caso, l’amministrazione comunale ha deciso di illuminare di viola l’esterno di palazzo Farnese, in adesione alla campagna promossa nel nostro Paese dalla Società italiana di Neonatologia e da Vivere Onlus.

Anche all’ospedale di Piacenza è stata ricordata questa simbolica ricorrenza, con due iniziative particolari. L’associazione “Cuore di maglia”, come da tradizione, ha consegnato al personale della Neonatologia alcuni indumenti realizzati a mano dalle volontarie. Inoltre, grazie alla collaborazione con La Ricerca, dal 1° dicembre partirà a Piacenza il percorso “Dudù mom”, per il sostegno dei genitori di bimbi nati prematuri attraverso gruppi di mutuo aiuto.

“Nel nostro reparto di Pediatria, nell’area dedicata alla Neonatologia – spiega la dottoressa Belinda Benenati – accogliamo i piccoli nati prima del termine, dalla 31esima settimana di gestazione o che comunque pesano almeno un chilogrammo. Siamo in grado di affrontare tutte le patologie tipiche di questi neonati, che necessitano spesso di un supporto ventilatorio. Seguiamo le loro problematiche, per esempio quelle alimentari, e il loro percorso di sviluppo neurologico”.

A PIACENZA UN CENTINAIO DI PREMATURI ALL’ANNO – I bebè nati “troppo presto” sono circa il 5 per cento: “A Piacenza ne contiamo poco meno di un centinaio all’anno. L’assistenza non è garantita solo al piccolo, ma a tutta la famiglia, che può accedere 24 ore su 24 alla Neonatologia e stare vicina al bimbo. Anche successivamente, dopo la dimissione, seguiamo il neonato con controlli successivi tramite un ambulatorio dedicato”.

Tra gli elementi di attenzione per i ricoverati e i genitori ci sono proprio gli indumenti fatti a mano, che vengono forniti alle famiglie grazie al supporto dell’associazione Cuore di maglia. “Da anni – spiega la referente Giovanna Cavalloni – ci impegniamo a fornire ai neonati coperte, cuffiette, scarpine e sacchi nanna. A Piacenza siamo una trentina di amiche che si riuniscono per lavorare a maglia. Abbiamo una passione in comune e siamo orgogliose di poterci mettere a servizio, per regalare soffici coccole alle famiglie che affrontano questo percorso. Per esempio, i pupazzetti che la mamma porta prima con sé, perché possano avere il suo odore, e che poi vengono lasciati nella culla del piccolo per farlo sentire meno solo quando i genitori non ci sono”.

NUOVI GRUPPI DI MUTUO AIUTO – A questi morbidi doni, tra pochi giorni se ne aggiungerà un altro, realizzato grazie alla proposta di Laura Calosso, una mamma che ha vissuto proprio l’esperienza di avere avuto un bimbo prematuro. “Dal 1° dicembre l’associazione La Ricerca – racconta Itala Orlando – partirà con il percorso Dudù mom, per affiancare i genitori dei neonati prematuri con gruppi di mutuo aiuto. L’obiettivo è quello di sostenere e ascoltare le famiglie durante le difficili settimane dopo la nascita”. Lo spazio di libera condivisione, attivato in collaborazione con il personale della Pediatria e della Neuropsichiatria infantile dell’Ausl di Piacenza, è gratuito e sarà quindicinale. Per informazioni è possibile scrivere a [email protected]

“Il mio Leo – racconta mamma Laura – è nato prematuro ed è stato ricoverato anche a Piacenza, per quasi due mesi. Grazie all’associazione è nato questo importante percorso, che permetterà ai genitori di ritrovare serenità e sentirsi meno soli. Il logo del progetto è stato disegnato da Ginevra, la sorellina più grande di Leo. È un progetto del cuore, spero sarà di aiuto a tante famiglie”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà