Gruppi vicinato, Zandonella: “Sarà attivata una sezione di contatto con la polizia locale”

26 Novembre 2021

Il rapporto tra gruppi di vicinato e polizia locale di Piacenza è stato il tema dell’incontro che si è tenuto giovedì 25 novembre, presso la Casa delle Associazioni di via Musso, tra i referenti dei gruppi di controllo di vicinato della città, il Comune di Piacenza e la questura, a rappresentare i quali sono intervenuti l’assessore alla Sicurezza urbana, Luca Zandonella, il comandante della Polizia Locale, Mirko Mussi e Paolo Verdecchia, dirigente della Questura a capo delle squadre volanti.

Dopo l’approfondimento delle ultime novità normative e la condivisione delle “regole d’ingaggio”, la seconda parte dell’incontro è stata dedicata allo scambio di informazioni e al confronto su come rapportarsi con le Forze dell’Ordine, in occasione sia di situazioni anomale o sospette segnalate, sia di particolari specificità riguardanti i diversi quartieri o frazioni.

“E’ stato un incontro importante – sottolinea l’assessore alla Sicurezza urbana, Luca Zandonella – per confrontarsi e riprendere i momenti di formazione e approfondimento che, prima del periodo Covid, venivano periodicamente organizzati. Nel corso dell’incontro abbiamo comunicato ai referenti che, nell’ambito della riorganizzazione del Comando di Polizia Locale, verrà prevista una specifica sezione dedicata ai contatti con loro. Una decisione assunta in quanto, come amministrazione, riteniamo fondamentale tenere rapporti diretti e costanti con i gruppi di controllo di vicinato, che vivono quotidianamente i quartieri e le frazioni dove operano, per una sempre più ampia collaborazione tra cittadinanza, amministrazione comunale e Forze dell’Ordine che migliori la sicurezza del territorio urbano. Ringrazio infine la Questura di Piacenza per l’ampia disponibilità dimostrata nella partecipazione all’incontro”.

Negli ultimi anni fortunatamente il numero dei gruppi di vicinato è aumentato – ha affermato il comandante Mussi -. Ormai sono diventati fondamentali per supportare il lavoro della polizia municipale e delle forze dell’ordine”. Ad oggi i gruppi sono 21.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà