Sorpresa per i detenuti delle Novate: il Natale ha portato un campo da basket

18 Dicembre 2021

Natale più ricco che mai quest’anno per i detenuti del carcere di Piacenza, che hanno ricevuto una bella sorpresa da parte di un nutrito gruppo di generosi piacentini. Davvero tanti coloro che hanno partecipato a questa iniziativa e che hanno fatto visita alla Casa Circondariale di Piacenza. Un gruppo guidato da Valter Bulla, che, insieme alla Fondazione di Piacenza e Vigevano rappresentata dal presidente Roberto Reggi ha provveduto alla realizzazione di questo campo interno per giocare a basket. Contributo anche da parte della Bakery Basket Piacenza, che ha portato alcuni doni, tra cui una maglietta della squadra per la direttrice della Casa Circondariale Maria Gabriella Lusi, e poi 200 panettoni, frutto del progetto “Dona un panettone”, al quale hanno partecipato l’Associazione “Oltre il Muro” del presidente Enrico Rizzo, Valter Bulla, Bruno Giglio, Frutti del Grano, Groppi Pastificio, Associazione “Cuore Generoso”, Associazione “Fratello Mio”, azienda Fratelli Ercoli, Metronotte Città di Piacenza, i gestori della trattoria “Gino Lupi”, Caritas, Livio Villa con amici e la ditta Roberto Menta. Un momento di svago per i detenuti, che hanno anche potuto provare subito il campetto da pallacanestro facendo alcuni tiri con i campioni della Bakery Daniel Donzelli, Riccardo Chinellato e Michael Sacchettini, sotto gli occhi del coach Federico Campanella, accompagnati dal team manager Roberto Spagnoli. Felicissima la direttrice Lusi. Perché il campo da basket rappresenta “tante cose, innanzitutto uno spazio adeguato per i detenuti per l’esercizio di uno sport, che anche in carcere è disciplina e impegno, l’attività che svolgono qui è sempre finalizzata al reinserimento sociale. Quello che significa questo spazio, allestito con il contributo della Fondazione di Piacenza e Vigevano, è anche la forza dell’organizzazione penitenziaria, che dialoga e fa rete con il suo territorio”. Il concetto fondamentale di diritto allo sport è stato ribadito anche dal delegato provinciale Coni Robert Gionelli, così come ha aggiunto Reggi che ha promesso impegno continuo per il carcere: “La comunità piacentina è al fianco di un’altra comunità, di soggetti fragili, in questo modo noi vogliamo promuovere il diritto alla mobilità e allo sport per tutti, anche al fianco di soggetti che sono in carcere, con un’iniziativa che è piccola, ma alla quale vorremmo dare seguito con altre iniziative”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà